Ferraguti - libreria e rivisteria
carrello
BIBLIOGRAFIA
RIVISTE DI PREGIO E BIBLIOGRAFIA
CIRCOLI, rivista di poesia (1931-1939, TUTTO IL PUBBLICATO)
CIRCOLI, rivista di poesia (1931-1939, TUTTO IL PUBBLICATO)
Questa prestigiosa rivista può essere considerata l'erede della mitica RIVIERA LIGURE (1895-1919), che illuminò la cultura italiana del primo novecento, riaffermando a distanza di 10 anni la vocazione ligure per la poesia e la letteratura. Ha vissuto in un periodo culturale intenso dominato dall'editoria milanese e fiorentina e forse non ha avuto i meritati riconoscimenti. E' assai curioso notare come la collezione sia presente in alcune biblioteche italiane ma spesso con lacune, discendendo il fenomeno dalla scarsa tiratura iniziale e forse anche dalla carenza di pubblicità all'epoca. La linea di CIRCOLI ebbe vari sussulti e conviene dar conto delle modificazioni avvenute lungo gli anni. Il primo numero uscì a Genova presso lo Stab. Grafico Editoriale, con data gennaio-febbraio 1931 e periodicità bimestrale. Diretta da Adriano Grande, il comitato di direzione era composto da Angelo Barile, Guglielmo Bianchi, Giacomo Debenedetti,  Eugenio Montale, Camillo Sbarbaro e Sergio Solmi. Con il primo numero del 1932 scompare il comitato di direzione ed i direttori diventano due (Adriano Grande e Guglielmo Bianchi). A cominciare dal numero 1 del 1934 la rivista è diretta soltanto da Adriano Grande e del nuovo comitato di direzione fanno parte Angelo Barile, Guglielmo Bianchi, Giacomo Prampolini, Raffaello Prati e Sergio Solmi. Il trasferimento a ROMA ha luogo con il numero di marzo-aprile (2) dello stesso anno 1934. Questo spostamento coincide con un calo dell'intensità operativa della rivista che negli anni precedenti aveva proposto autentici capolavori con i poeti più prestigiosi quali Montale (si può affermare che Circoli rivelò la sua poesia), Sbarbaro, Quasimodo, Pea, Capasso, Barile, Adriano Grande, Umberto Saba, Giorgio Vigolo, Mario Praz, Sergio Solmi, Giani Stuparich, Sinisgalli, De Pisis, Sandro Penna, Attilio Bertolucci, ecc. e con straordinarie traduzioni di poeti e scrittori stranieri (Joyce, Guillen, Eliot, Dos Passos, Max Jacob, Jean Cocteau, George Stefan, Hemingway, vari scrittori europei ecc.). Famoso il numero speciale 6 del novembre-dicembre 1933, interamente dedicato alla poesia americana, ripercorrendo in questo l'esempio di Solaria e del Convegno di Ferrieri. Nel numero 2 del 1931 ci sono anche scritti e disegni di Leo Longanesi. Anche Malaparte collaborò con alcuni suoi scritti. CIRCOLI ebbe anche una intensa attività editoriale (basti pensare alla prima edizione di "Oboe Sommerso" di Quasimodo nel 1932). Durante tutto il 1935 c'è un comitato direttivo (Giuseppe Agnino, Enrico Falqui, Marcello Gallian, Adriano Grande, Giuseppe Ungaretti). Molto interessanti gli scritti e le poesie di Ungaretti, Bartolini, Comisso, Alfonso Gatto, ma nel contempo compaiono firme "politiche" (Interlandi, Gallian, Pavolini, Bottai). Per tutto il 1936 le pubblicazioni vengono sospese ed alla ripresa nel 1937 la rivista da bimestrale si trasforma in mensile con nuovi redattori (Raffaello Prati, Rocco Cartoscelli, Attilio Dabini, Indro Montanelli, Glauco Natoli, Salvatore Valitutti sotto la direzione di Grande ed Agnino). Nel 1938 entrerà poi anche Carlo Bernard. Nel 1939 cambierà anche veste tipografica e nell'aprile Guglielmo Danzi sostituisce Agnino; con il numero di settembre Adriano Grande lascia Circoli che chiuderà poi nel dicembre dello stesso 1939. Gli ultimi anni perdono smalto e gli scritti sono più orientati alla narrativa. A richiesta, possiamo fornire l'indice dettagliato di tutti i numeri con autori e titoli. ANNO PRIMO - 1931 - NUM. 1, 2, 3, 4, 5, 6. ANNO II - 1932 - NUM. 1, 2, 3, 4, 5, 6. ANNO III - 1933 - NUM. 1, 2, 3, 4, 5, 6 ANNO IV - 1934 - NUM. 1, 2, 3, 4, 5, 6 ANNO V - 1935 - NUM. 1, 2, 3, 4, 5-6, 7-8, 9, 10-12 ANNO - 1936 - NON PUBBLICATO ANNO VI - 1937 - NUM. 1, 2, 3, 4, 5-6, 7, 8, 9-10 (stop) ANNO VII - 1938 - num. 1-2, 3-4, 5-6, 7-8, 9-10, 11-12 ANNO VIII - 1939 - 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12 Tutti i fascicoli sono sciolti e in buone condizioni; solo l'annata III del 1933 è rilegata in tutta tela verde in un unico volume. Formato 18 x 25, brossura, pagine variabili, copertine a vari colori. RARA COLLEZIONE DI TUTTO IL PUBBLICATO   - COLLEZIONE VENDUTA (ne abbiamo una seconda raccolta)